GLASS || Cinema Vittoria
 
 

GLASS


Foto1Foto2Foto3

L'orda, ossia Kevin Wendell Crumb e le sue altre numerose personalità, ha catturato un nuovo gruppo di ragazze e si prepara a "sacrificarle" alla Bestia. È però sulle sue tracce il vigilante David Dunn, che grazie all'aiuto del figlio e alle sue visioni psichiche arriva presto a un confronto con il feroce avversario. Entrambi però finiscono catturati dalla polizia e dalla psichiatra Ellie Staple e rinchiusi in un istituto psichiatrico, lo stesso dove da 19 anni è prigioniero "l'uomo di vetro", il geniale Elijah Price. Per lui sarà finalmente l'occasione di dimostrare al mondo che le sue teorie sugli esseri dotati di superpoteri sono reali. Nel mentre il figlio di David, la ragazza sopravvissuta all'Orda e la madre di Elijah cercano di salvare i propri cari dalle cure di Ellie Staple.

Doveva essere il coronamento del più ambizioso progetto di Shyamalan, che porta a compimento due suoi film precedenti, Unbreakable e il più recente Split, ma il risultato è un incredibile pasticcio di sceneggiatura, di autoindulgente lunghezza e con un interminabile numero di epiloghi.

Il disappunto è cocente, perché Shyamalan nella collaborazione con Jason Blum e nel ritorno a budget contenuti sembrava essersi rigenerato dai flop ricchi di effetti speciali come L'ultimo dominatore dell'aria e After Earth, invece qui lo ritroviamo più confuso che mai.

Se Unbreakable trattava in modo relativamente rispettoso la mitologia dei supereroi, ora si mettono invece in bocca ai personaggi così tante assurdità da farli sembrare toccati in testa. Per esempio lascia esterrefatti che la ragazza sfuggita all'Orda prenda come una prova dell'esistenza dei supereroi il fatto che Metropolis sia ispirata a New York (tutt'altro che un segreto per inciso) o che il costume dei primi supereroi era ispirato dagli artisti del circo. Ma ci sono momenti ancora più involontariamente esilaranti, come quando un personaggio dice di appartenere a un'organizzazione che opera da diecimila anni: che si riferisca all'era hyboriana di Conan il barbaro?

Tutto questo sarebbe ridicolo nel peggior fumettone, eppure Glass si prende dannatamente sul serio. E nonostante il genere in cui si muove il film, la sceneggiatura è tutt'altro che irrilevante visto che si tratta di un'opera dominata da infiniti dialoghi. Gli scontri infatti sono solo due, in mezzo c'è il tentativo di Ellie Staple di convincere i protagonisti di non avere alcun potere speciale e si porta via almeno un'ora di durata (e per altro perché fare un film di questo tipo lungo due ore e dieci minuti se il budget è tanto risicato?).

C'è quasi da non crederci, visto che non solo allo spettatore è già stata provata la portata dei poteri dei protagonisti nei film precedenti, ma soprattutto considerato che Staple li trova subito dopo che sono precipitati da un'altezza notevole e si sono rialzati senza un graffio. Lei e la polizia devono necessariamente aver assistito alla caduta, ma tutti fanno finta che non sia così per non rendere la trama ancora più assurda di quanto già non sia.

Lascia poi molto perplessi che un film che si intitola Glass abbandoni in una sorta di letargia il personaggio omonimo interpretato da Samuel L. Jackson per una buona metà della durata. Inoltre d'accordo che è un genio, ma è stato chiuso e sedato per 19 anni senza nemmeno niente da leggere, com'è possibile che appena liberato si riveli un hacker formidabile? Se a tutto questo supplisse una messa in scena affascinante si potrebbe chiudere un occhio, ma non è così: si assiste a un succedersi di scambi di battute in interni dove la scelta più ardita è scenografica: un'ampia stanza tutta rosa come nemmeno una bomboniera e che fa pendant con il vestito di Ellie Staple.

A peggiorare il tutto arriva poi un finale che, nella tradizione di Shyamalan, vorrebbe offrire il colpo di scena, ma questa volta lo fa in modo così reiterato che si sospetta un tentativo di autoparodia. Se la circolarità della vicenda che si esplicita durante lo scontro finale è uno sviluppo che ricompone un puzzle fin qui sconnesso, e potrebbe persino salvare il salvabile, tutto quello a cui si assiste in seguito è invece ridondante, ripetitivo e sfiancante al punto da perdere il conto degli epiloghi, che oltretutto sono ognuno peggio dell'altro.

Una vera débâcle cui non bastano il cameo di Shyamalan che cita il suo precedente cameo in Unbreakable, né il ritorno di Bruce Willis, Samuel L. Jackson e Spencer Treat Clark nei personaggi di 19 anni fa, e neppure l'innesto della solitamente brava Sarah Paulson in un ruolo verboso e ingrato. Alla fine anche delle improbabili azioni della sua psichiatra viene svelato un senso, ma è troppo comodo e di certo non ripaga di un'ora di dialoghi senza capo né coda. Spiace scriverlo, ma Glass si candida già a peggior delusione del 2019


Scritto Gio 24 Gennaio 2019